In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.


Volley | Naz.li Femm.le | Serie A/F

Apoteosi Lardini, sei in serie A1

15/04/2017


Apoteosi Lardini, sei in serie A1

 

Caserta. Non è un sogno, non lo è più: la Lardini Filottrano è promossa in serie A1, è nell’élite della pallavolo femminile italiana. Alle ore 18:22 di sabato 15 aprile 2017 la schiacciata di capitan Chiara Negrini suggella una stagione memorabile e trasforma in realtà quello che ad inizio stagione era confinato in un angolo remoto dei pensieri. La Lardini legittima a Caserta una promozione strameritata sul campo, avvallata da numeri da sballo di una squadra in testa per 21 giornate su 26, di cui 19 in solitaria, di una squadra capace di vincere le prime 22 partite consecutive e di mettere in bacheca anche la coppa Italia di A2 per un incredibile double. Merito di un gruppo solido come il granito, forgiato con sagacia da Massimo Bellano, artefice primo di questo Filottrano che scrive la storia tra il delirio dei duecento tifosi che hanno accompagnato la Lardini a Caserta e dei tanti incollati al maxischermo allestito al PalaGalizia. Filottrano sa che per arrivare all’obiettivo deve passare attraverso le forche caudine dell’ultima giornata e lo fa con intelligenza, talento ed energia nervosa. Bosio sfrutta subito tutta la rete, Vanzurova e Mazzaro mettono la firma sul primo break (2-4). Mio Bertolo punisce la ricezione lunga filottranese (4-4), la Lardini riallunga con Cogliandro (4-7), poi con i muri di Bosio e della stessa centrale (6-11). L’attacco di Caserta si appoggia molto su Pascucci e Mio Bertolo (9-12), dall’altra parte Mazzaro e Scuka spingono lontana una Lardini (9-15) che scatena Vanzurova in attacco e al servizio (12-19). Bonafede cambia tutto: dentro Avenia (per l’ex Agrifoglio), Aquino e Barone, ma Filottrano controlla bene, sfruttando il 7/8 complessivo delle centrali e un attacco al 48%. Scuka (14-23) e Mazzaro (14-25) guidano la Lardini verso l’1-0, ma la squadra rosanero deve fare i conti con il veemente avvio della Volalto: il muro e Crittenden spingono le padrone di casa sul 4-0 e poi sul 6-1, Bellano ci vuol parlare su e quella che torna in campo è una Lardini che riprende a tessere la tela, a toccare a muro, a sfruttare i colpi in attacco di Vanzurova e Scuka (7-4). Capitan Negrini e Cogliandro riducono ancora il gap (8-7), ma Caserta coglie l’attimo con Pascucci e scappa di nuovo approfittando di due errori filottranesi (12-7). Lardini è sinonimo di sartoria di qualità e la Lardini con pazienza si rimette a ricucire lo strappo: la fast di Cogliandro avvicina l’obiettivo (14-12), Scuka pizzica l’incrocio delle righe e Mazzaro impatta a quota 16. Sul nuovo break della Volalto (muro di Strobbe, 18-16), è Vanzurova a pareggiare il conto (18-18), Scuka mette la freccia (18-19), Cogliandro tira giù il pallone del 20-22. Caserta chiama tempo e al rientro Pascucci e Crittenden firmano il sorpasso (23-22), ma Bosio alza il muro e confeziona il ribaltone (23-24). Pascucci annulla il set-point (24-24), Scuka (6 punti nel set) procura la seconda palla-set e dopo una gran difesa di Feliziani trasforma nel 2-0. La Lardini non ha più argini: la Volalto limita lo show iniziale di Vanzzurova, poi Cogliandro inventa il punto del 7-10 e Scuka firma in carta copiativa due parallele da urlo (8-13). Negrini e Vanzurova aumentano il vantaggio (10-19), la Lardini sente odore di A1 confortata dagli ace di Mazzaro e Vanzurova (12-23). La storia è lì pronta per essere scritta e tocca a capitan Negrini mettere nero su bianco. E’ delirio, è apoteosi. La Lardini Filottrano è in A1 e non è più un sogno.

 

 

 

 

VOLALTO CASERTA – LARDINI FILOTTRANO 0-3

 

VOLALTO CASERTA: Agrifoglio, Crittenden 9, Strobbe 6, Mio Bertolo 7, Pascucci 9, Astarita 3, Cecchetto (L); Boriassi 1, Avenia, Aquino, Barone, Bartesaghi. All. Bonafede - Russo.

 

LARDINI FILOTTRANO: Bosio 3, Vanzurova 15, Mazzaro 6, Cogliandro 12, Negrini 4, Scuka 12, Feliziani (L); N.e.: Tosi, Marangon, Galazzo, Rita, Cappelli. All. Bellano - Quintini.

 

ARBITRI: Stancati (Cs) e Morgillo (Na).

 

PARZIALI: 14-25 (20’), 24-26 (28’), 13-25 (21’).

 

DURATA: 69’.

 

NOTE: Caserta: battute sbagliate 9, battute vincenti 1, muri 7, attacco 31%, ricezione positiva 45%. Lardini: b.s. 4, b.v. 3, mu. 4, att. 43%, ric. pos. 61%.




Lardini, domani a Caserta la partita decisiva

14/04/2017


Lardini, domani a Caserta la partita decisiva

 

Otto mesi fa immaginare di vivere la vigilia dell’ultima giornata della Samsung Gear Volley Cup di A2 con un punto di vantaggio sulla seconda in classifica era un’idea fantasiosa. Otto mesi dopo quel pensiero così lontano dall’immaginario comune è per la Lardini un’occasione a portata di… vittoria. Quella che manca per coronare una stagione di altissimo spessore e centrare la promozione diretta in massima serie, quella che la formazione filottranese cercherà di conquistare domani (ore 17:00, arbitri: Walter Stancati e Davide Morgillo) a Caserta. “Sapevamo che ci serviva ancora una vittoria, che però nelle ultime due giornate non è arrivata – ammette l’allenatore della Lardini, Massimo Bellano –. Abbiamo lavorato al meglio, ma poi dovremo essere bravi in partita a ottenere questo successo. La promozione non arriverà per diritto divino, ma solo se dimostreremo di meritarcela: se saremo capaci di vincere quest’ultima partita andremo legittimamente in A1 e completeremo il percorso iniziato diversi mesi fa, se non lo saremo e gli altri porteranno a casa più punti di noi significherà che meritiamo di disputare i playoff. Resto convinto che abbiamo le qualità per conquistare la vittoria, senza pensare a ciò che è successo finora”. Dovendo confrontarsi con una Volalto il cui +6 su Mondovì non la mette ancora del tutto al riparo dai playout, motivata a ottenere un successo a garanzia della salvezza diretta. “Andremo a giocare contro una squadra che non ha ancora il verdetto definitivo e che ha grande qualità, di livello non inferiore ad altre formazioni che lottano per obiettivi diversi: avremo la necessità di mettere in campo ancor più qualità di loro”. La formazione casertana, affidata a coach Bonafede (esordio sulla panchina della Volalto proprio nel match di andata), è reduce dal fondamentale successo di Mondovì, il terzo nelle ultime cinque gare. Rispetto al confronto del PalaBaldinelli ha una Crittenden in più nel motore. “Un elemento in più ti dà maggiori alternative: per loro è stato sicuramente un innesto importante, così come credo lo sia stato il lavoro che nel tempo hanno portato avanti. La posta in palio renderà la partita ancor più importante. Conterà l’aspetto mentale abbinato a quello che dovremo fare in campo. Dovremo tornare a essere più lucidi nell’attaccare bene il sistema muro-difesa avversario e dare alla partita un’interpretazione agonistica più forte rispetto alle ultime gare”.

 

Tifosi e maxischermo. Un pullman, numerosi pulmini e auto: saranno tanti i tifosi rosanero che si muoveranno alla volta di Caserta. Per coloro che non potranno essere in trasferta è stato allestito un maxischermo al PalaGalizia di Filottrano. Prevista, come per tutte le trasferte, la diretta streaming sul sito pallavolofilottrano.it, ma anche collegamenti all’interno della trasmissione “Diretta Stadio” in onda dalle 16:25 su Radio Conero (fm 104.2), condotta dal giornalista Mauro Anconetani.



I Video della Settimana

Vuoi commentare questa notizia ? Effettua il login o registrati



PUBBLICITA'

PUBBLICITA'